ॐ AYURVEDA



Da “ Ayus” vita e “ Veda” scienza o conoscenza, Ayurveda è una disciplina olistica della millenaria scienza medica indiana, è conoscenza di vita, è la cura della persona volta alla sua individualità ed unicità.
Ayurveda non considera solo il nostro involucro esterno, il corpo, purché importante, ma anche ciò che contiene… abbiamo una mente e abbiamo un’anima, uno spirito; è l’unione dei tre che dà la vita, è il loro equilibrio che dà salute, come si potrebbe considerarli separatamente?

L'Ayurveda si prefigge quattro scopi fondamentali:
1) prevenire le malattie
2) prendersi cura della salute
3) mantenere la salute
4) promuovere la longevità. 

Il termine salute/sano in sanscrito è Svastha che letteralmente significa "stabilizzarsi nel sé" o "nella condizione propria a sé stessi". Il concetto di salute, quindi, viene considerato come condizione naturale dell'uomo mentre la malattia è vista come allontanamento da una condizione di normalità.
Sushruta celebre medico ayurvedico (ca V sec. AC) così definisce lo stato di salute:"L'individuo sano è colui che ha umori, il fuoco digestivo, i componenti tissutali e le funzioni escretorie ognuno in buon equilibrio, e che ha lo spirito, i sensi e la mente sempre compiaciuti".
Questa definizione considera i tre principali aspetti della vita della persona: corpo mente e spirito.
L'O.M.S. (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha fatto letteralmente proprie questa parole nella sua definizione di salute: "La salute è uno stato di pieno benessere fisico, psichico e sociale".

 
Tutto in Uno
Uno in tutto

Come nel macrocosmo, così nel microcosmo, l’Ayurveda basa le sue fondamenta sui Panchmahabhuta, i cinque grandi elementi ( etere, aria, fuoco, acqua e terra) che compongono e costituiscono l’intero universo. E come l’universo, anche l’essere vivente è composto e caratterizzato da questi elementi. La loro presenza, in quantità diverse, determina le caratteristiche e le differenze di tutto ciò che esiste. Questi elementi, nel nostro corpo sono tutti presenti e, uniti assieme fra loro, collaborano affinchè ciascuna parte svolga la propria funzione. Essi si accoppiano formando tre forze dinamiche che in Ayurveda vengono indicate con il termine dosha; queste sono VATA, PITTA e KAPHA.



Dall’unione di ETERE ed ARIA si genera il dosha VATA che presiede tutti i movimenti fisici, biologici e mentali, inoltre governa il nostro sistema nervoso. Vata è infatti tutto ciò che muove e porta in se tutte le caratteristiche degli elementi che lo compongono; è quindi secco, asciutto, freddo, veloce, mobile e irregolare.


Dall’unione di FUOCO e ACQUA si genera il dosha PITTA che è calore e capacità di trasformazione delle sostanze nell’organismo agendo come fuoco corporeo. E’ la forza che digerisce, metabolizza e trasforma il nutrimento e i pensieri. E’ inoltre responsabile della temperatura corporea, della pigmentazione della pelle e delle vista. Le sue qualità sono il calore, la leggerezza, la penetrazione e l’acidità. 

Dall’unione di ACQUA e TERRA si genera il dosha KAPHA che è solidità e stabilità, viene infatti definito come la forza che costruisce. Esso da forma alla nostra struttura e, attraverso le secrezioni e i liquidi, mantiene la corretta lubrificazione. Le sue qualità sono la pesantezza, la lentezza, l’immobilità, la stabilità, la solidità, l’untuosità e la morbidezza.




Queste forze pervadono tutto il corpo, sono sempre presenti, ma in proporzioni diverse. Ed è proprio in base a queste  rispettive proporzioni che si stabilisce il tipo di costituzione individuale: la Prakriti.
Prakriti è ciò che è visibile, è la natura dell’individuo e la manifestazione degli elementi nel corpo. Si determina al momento del concepimento, è strettamente legata allo stato di equilibrio o, al contrario, allo stato di squilibrio della salute dei genitori e può essere influenzata dalle condizioni psico-ambientali della madre durante la gravidanza, dalle stagione, dal clima, dall’età e dalle ore della giornata variando durante il ciclo della vita. 

Il Jiva, il nuovo essere vivente,  formato da Atman ( anima), Panchmahabhuta e Samskara delle vite precedenti si genera al momento dell’unione fra l’energia maschile e quella femminile; questo porta in se il suo stampo genetico che, invece, rimane invariato per tutta la durata della vita,  questa impronta è indicata con il termine Prakruti.

In Ayurveda la conoscenza della costituzione individuale è molto importante perchè sta alla base del sistema diagnostico per la cura e il mantenimento della salute. Ci caratterizza e ci distingue in tratti somatici, gusti, preferenze, abitudini ed attitudini.

La corretta analisi da parte del medico ayurvedico permette di stabilire il trattamento d’intervento più appropriato. Secondo la legge dei contrari, ad una costituzione pitta, ad esempio, per via del calore proprio verranno consigliati trattamenti rinfrescanti e disinfiammanti sconsigliando tutti quei cibi e spezie piccanti che andrebbero ad accrescere il “fuoco” già abbastanza presente. Ad una costituzione vata al contrario, avendo come qualità la freddezza, la secchezza e il movimento si interverrà scaldando,  lubrificando e pacificando. Ad una costituzione kapha, pesante, lenta ed untuosa ci si concentrerà di più a smuovere con manualità veloci e profonde utilizzando poco olio per evitare di aumentare l’untuosità già naturalmente presente.

Lo stato squilibrato dei dosha viene indicato con il termine Vikruti, più questa è differente e si discosta dalla nostra Prakriti e più siamo facilmente attaccabile dalla malattia, il compito del medico ayurvedico e di Ayurveda, che è “conoscenza di vita”, è proprio quello di CONOSCERE, CAPIRE, ASCOLTARE ed INTERVENIRE per riportare l’equilibrio perfetto che coduce ad una vita in piena salute.

…come nel macrocosmo, così nel microcosmo…siamo scintille del Divino ed abbiamo bisogno di equilibrio e stabilità per percorrere il sentiero della nostra vita nel benessere psico fisico.

Come i Panchmahabhuta ci caratterizzano ad un livello più fisico, i Guna rappresentano le nostre qualità mentali ad un livello più sottile.
Possiamo definire i Guna come i nostri dosha mentali.



Sattva
La mente stessa è definita Sattva (chiarezza), perché è per sua natura in grado di percepire. Di base, la mente è quindi chiara e pura, ma le emozioni e i pensieri negativi la rendono torbida. Sattva è la natura divina. Quando pura, o resa tale, procura illuminazione e realizzazione della persona. Una mente Sattvica è spiritualmente predisposta.

Rajas

E’ la distrazione o la turbolenza cui è soggetta la mente che cerca nel mondo esterno piacere e realizzazione. La mente si agita, desidera. Se non viene soddisfatta, allora diventa irritata e collerica. Rajasici sono i pensieri e le immagini che disturbano l’equilibrio della mente, come, ad esempio, l’ostinazione, la manipolazione e l’egoismo. E’ una mente che cerca potere, eccitazione e intrattenimento. La mente dell’uomo moderno è tremendamente Rajasica: distratta da mille attività, iperstimolata e iperattiva.

Tamas

La mente è torpida e incapace di percepire. E’ oscurata dall’ignoranza e dalla paura. Tamas genera indolenza, sonnolenza e mancanza di attenzione. C’è una mancanza di attività mentale, insensibilità e incapacità di dominare la mente che rimane preda di forze esterne o inconsce. Tamas genera una natura servile, animalesca.

L’effetto di Sattva è  portatore di armonia e stabilità. Porta al risveglio e all’evoluzione dell’anima, dona gioia e felicità. E’ il principio dell’intelligenza. Da Sattva proviene la chiarezza (in termini di coscienza) e la pace che ci permettono di percepire la verità.
Rajas e Tamas sono fattori che causano le malattie. Rajas crea spreco di energia e Tamas porta al decadimento. Di solito, i due lavorano insieme. Una vita frenetica, l’ambizione smodata, la prevaricazione, la corsa per il successo a tutti i costi, il surmenage lavorativo, l’egocentrismo, il consumo di alimenti e sostanze stimolanti per sostenere questo modo di vivere sono tutte qualità Rajasiche. Alla fine portano all’esaurimento delle energie, alla chiusura in se stessi, all’attaccamento eccessivo, all’eccessivo senso del possesso che sono qualità Tamasiche.
 
 





2 commenti:

  1. Bello il tuo blog! Mi tieni aggiornata sulle tue iniziative (corsi, laboratori,incontri formativi?). Sonia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sonia e BENVENUTA!!! certamente, potrai anche visitare la sezione LAB e tenerti aggiornata, da settembre nuovi Laboratori!! nel frattempo scriverò...e ci terremo in contatto.
      ॐ Namastè

      Elimina